MPT suggerisce Il Corso Omega! Non perderlo.

Trasformare la chiesa più piccola:
Energizzare le chiese attraverso una leadership efficace

Quest'articolo è stato scritto da Gary Reinecke e Robert E. Logan, direttore esecutivo di CoachNet®, per il sito www.CoachNet.org (in inglese). Usato ed adattato con permesso.

Nove passi

"Pastore, devi essere presente all'incontro di pianificazione per la prossima evangelizzazione", dice Ron. "La tua presenza manda un messaggio al comitato per l'evangelizzazione che quest'evento è importante per la nostra chiesa".

Il pastore risponde: "Ho già un impegno quella sera che sarebbe la mia quarta serata fuori di casa per questa settimana. E tra l'altro, ho anche una famiglia da considerare".

"Non potremmo avere qualcuno che rappresenti il pastore questo weekend?" suggerisce uno degli anziani. Segue un silenzio fastidioso – ogni anziano è già impegnato in altri progetti e non può immaginare un'altra serata dedicata ad attività della chiesa. L'argomento viene messo da parte e il meeting finisce lì.

Nel corridoio dopo il meeting del consiglio, il pastore e Ron riprendono la discussione. Scoraggiato, il pastore sa che questo particolare evento evangelistico non produrrà il tipo di frutti di cui la chiesa ha bisogno per crescere.

"Sai, Ron, se solo avessimo qualche altra persona impegnata, potremmo fare le cose che dovremmo", dice. "Ma sono solo io e non posso fare tutto da solo".

Ron riconosce la frustrazione del pastore mentre camminano verso l'auto. La stessa domanda persiste nella testa di entrambi: Cosa ci vorrebbe per far crescere la nostra chiesa?

Questo scenario si ripete in tantissime chiese evangeliche. Troppi bisogni e non abbastanza risorse.

Quattro motivi per cui le chiese più piccole rimangono piccole

1. Resistenza al cambiamento

Chiese consolidate con meno di 40 persone che frequentano il culto settimanale hanno in genere raggiunto un punto di appiattimento nella loro crescita. Spesso, le cause principali di questo problema sono i leader che sono diventati rigidi e resistenti a nuove idee. Quando i leader diventano contrari ad assumere rischi nel loro sviluppo, la congregazione ne soffre.

2. Attrattiva dello status quo o assenza di sufficiente malcontento verso lo status quo da motivare e supportare il cambiamento

Se una chiesa piccola è rimasta piccola per 5 anni o più, si stabilisce un certo livello di conforto. Eventualmente quest'accettazione dello status quo può portare a compiacersi di come si è. Questa stagnazione, combinata con la resistenza al cambiamento, spinge le chiese all'apatia.

3. Riluttanza a pagare il prezzo della crescita

Chiese che hanno un approccio timido verso il ministero, un'attitudine all'apatia e mancanza di leadership visionaria sono spesso riluttanti a pagare il prezzo della crescita. Mancano di passione per il lavoro che Dio vuole completare per mezzo di loro. Nel caso di queste chiese, il problema è semplice disobbedienza.

Visione
Veri leader con una visione hanno calcolato il costo e sono pronti a pagare il prezzo per il Regno.

4. Mancanza di leadership trascinatrice con una visione per il futuro

Una leadership attiva e con una visone per il futuro è caratterizzata da una volontà di sognare, assumere rischi e fare per bene le cose che vanno fatte. Veri leader con una visione hanno calcolato il costo e sono pronti a pagare il prezzo per il Regno. Quando manca la leadership attiva e con una visone per il futuro , la gente "è senza freno" (Proverbi 29:18) ed affonda.

Le piccole chiese possono crescere

Alcuni pensano che chiese grandi possono offrire ministeri di alta qualità per i propri membri – ed è per questo che crescono. Chiese più piccole presentano una moltitudine di necessità, hanno meno risorse con cui indirizzarle e sono al limite nella disponibilità di volontari – si pensa che è per questo rimangono piccole. Queste percezioni rappresentano la realtà?

Al contrario di ciò che si pensa di solito, le chiese più piccole hanno le potenzialità di creare ministeri di alta qualità e sani.¹ Le chiese più piccole hanno anche le potenzialità di raggiungere più persone non credenti rispetto alle loro controparti più grandi, infrangendo il mito che grande è meglio.

Le congregazioni più piccole sono spesso più efficaci nel provvedere un senso di comunità per coloro senza una chiesa. Possono dare alla gente un senso di importanza individuale consentendo ai membri di utilizzare i loro doni spirituali. Le congregazioni più piccole possono anche moltiplicare discepoli, leader, gruppi e chiese ad un ritmo più elevato. Ciò detto, è imperativo che consideriamo le potenzialità delle chiese più piccole e scopriamo i modi in cui Dio vuole lanciarle nell'avanzata del Suo Regno.

Comunque, la sfida rimane quella di trovare la strada verso un miglioramento dello stato di salute e dell'efficacia delle chiese più piccole. Chiese piccole che sono efficaci adottano il cambiamento. Sottoscrivono il detto che il cambiamento non è buono o cattivo, ma necessario. Queste chiese comprendono la necessità del cambiamento per rimanere in buona salute. Una chiesa in buona salute moltiplica discepoli, leader, gruppi e nuove chiese.

Guidare e gestire il cambiamento all'interno di congregazioni più piccole o in difficoltà richiede una strategia che serva da guida. Segue una breve descrizione di otto caratteristiche di qualità essenziali a una chiesa in salute. Le linee guida sono basate su uno studio condotto in 1000 chiese, 32 paesi e 5 continenti. Insieme con i leader della tua chiesa usa questi otto elementi di qualità per valutare lo stato di salute della tua congregazione.

Strategia per una chiesa in salute:
OTTO ELEMENTI DI QUALITÀ PER CHIESE PICCOLE EFFICACI ²

Leadership che conferisce poteri (ossia equipaggia)

Definizione: Una leadership efficace comincia con una relazione intima con Dio, risultante in un carattere simile a Cristo e un chiaro senso di chiamata da Dio per la vita del leader. A mano che questa base di maturità spirituale cresce, pastori e leader che siano efficaci moltiplicano, guidano, energizzano ed equipaggiano discepoli per realizzare il loro pieno potenziale in Cristo e lavorare insieme con loro per attuare la visione di Dio.

Esempio: Il pastore Pablo Contreras ha una storia alle spalle nell'energizzare i leader alla guida delle chiese che ha fondato. Lui ha imparato che è spesso più efficace fondare un maggior numero di chiese piuttosto che provare ad aiutare chiese già esistenti a crescere di dimensione. Nella sua ultima congregazione, ha nominato Liandro, il suo assistente, come suo sostituto. Ciò ha consentito a Pablo di andare via e cominciare una nuova congregazione.

Quando Pablo cominciò ad istruire Liandro, Liandro lavorava come manager nel mondo del business. Molte delle sue capacità manageriali potevano essere facilmente trasferite al contesto del ministero. Dopo un anno dall'aver preso in carica il ruolo di pastore, Liandro è in grado di guidare la sua congregazione con confidenza e Pablo ha quasi 100 credenti appena battezzati nella chiesa di nuova fondazione.

Ministero basato sui doni

Puzzle
I leader della Chiesa sono responsabili nell'aiutare i credenti a scoprire, sviluppare ed esercitare i loro doni.

Definizione: Lo Spirito Santo sovranamente concede doni spirituali ad ogni credente per contribuire alla costruzione del Regno di Dio. I leader della Chiesa sono responsabili nell'aiutare i credenti a scoprire, sviluppare ed esercitare i loro doni cosicché il corpo di Cristo "cresce e sviluppa se stesso nell'amore". Uno dei modi migliori per attingere al potenziale di una chiesa piccola è attraverso un ministero orientato ai doni spirituali.

Esempio: Un seminario dedicato alla scoperta dei doni spirituali venne offerto in una congregazione di meno di 100 membri. Dopo aver fatto la cernita dei propri doni, una donna comprese che le capacità amministrative che l'avevano resa efficace sul posto di lavoro potevano anche essere usate nel ministero. Dopo alcuni mesi di pianificazione, lanciò un programma diretto a raggiungere i giovani non credenti della zona e ad attirarli in chiesa. Due anni dopo, quella chiesa vede ancora i frutti dei suoi sforzi. Alcuni giovani sono stati salvati e diversi genitori hanno cominciato a venire in chiesa.

Spiritualità appassionata

Definizione: Un ministero efficace fluisce da una spiritualità appassionata. L'intimità spirituale conduce a una forte convinzione che Dio agirà in modi autorevoli. Una visione religiosa può essere attuata solo attraverso la fede che vede gli ostacoli come opportunità e trasforma le sconfitte in vittorie.

Esempio: Una chiesa prese seriamente il concetto di spiritualità appassionata e realizzò che la maggior parte dei membri della chiesa avevano un profondo desiderio per la spiritualità ma poca educazione su come incorporarla nelle loro vite. Per soddisfare questo bisogno, un leader particolarmente abile nella chiesa lanciò degli incontri di preghiera ogni trimestre dove la gente poteva pregare in piccoli gruppi, adorare con altri da differenti congregazioni e seguire l'insegnamento sulla preghiera.

Strutture efficaci

Definizione: La chiesa è il corpo vivente di Cristo. Così come ogni organismo vivente, ha bisogno di numerosi sistemi che lavorino insieme per soddisfare lo scopo prefisso. Ogni sistema deve essere valutato regolarmente per determinare se è ancora il modo migliore per soddisfare lo scopo prefisso di una chiesa.

Esempio: Una chiesa piccola, vecchia ed in difficoltà, cominciò a valutare le sue strutture. I suoi membri scoprirono che molti dei loro programmi erano rivolti all'interno e senza una visione avvincente. Le opzioni erano chiare: cambiare per creare una nuova visione o eliminare il programma. La leadership della chiesa investì del tempo, energie e risorse nel programma con la volontà di cambiare mentre si industriava a trascurare gradualmente programmi vecchi e rigidi. Dieci anni dopo, il risultato è la presenza di programmi validi e significativi che toccano la vita e lo spirito della congregazione che adesso sta finalmente crescendo.

Servizio di adorazione che ispira

Definizione: Un culto che ispira è un incontro con il Dio vivente. L'adorazione sia personale sia corporativa deve essere infusa della presenza di Dio, risultando in momenti di riverenza silenziosa e di vibrante celebrazione. Il culto che ispira non è determinato da un particolare stile o ministero di gruppo, ma dall'esperienza condivisa della presenza di Dio.

Esempio: Una città aveva due chiese. La prima era una più vetusta e tradizionale e si riuniva in una cappella modesta. Inni e organo a canna contribuivano a un'atmosfera di adorazione soffusa. La seconda chiesa era contemporanea. Questa chiesa si riuniva nella sala del municipio, la gente vestiva in modo informale e aveva un gruppo di musica moderna. Entrambe le chiese avevano circa 120 persone presenti ogni domenica.

Alla domanda del perché preferissero una chiesa piuttosto che l'altra, le persone in città si riferivano all'intimità con Dio e al senso di ispirazione che si portavano dietro con loro alla fine dell'esperienza del culto. Il culto che ispira non dipende dal fatto che la musica sia contemporanea o tradizionale, ma dal fatto che la gente abbia un incontro personale con Dio.

Piccoli gruppi olisitici

Cellule
I piccoli gruppi equilibrati sono disegnati per crescere e moltiplicarsi.

Definizione: Piccoli gruppi equilibrati (o "olistici") sono comunità dedicate a fare discepoli che si sforzano di raggiungere le persone senza una chiesa, di soddisfare bisogni individuali, di sviluppare ogni persona sulla base dei doni ricevuti da Dio e di far sviluppare leader per sostenere la crescita della chiesa. Come cellule organiche olistiche, i piccoli gruppi equilibrati sono disegnati per crescere e moltiplicarsi.

Esempio: La forza di molte chiese piccole risiede nelle forti relazioni che hanno i membri tra di loro. Un ministero fondato su piccoli gruppi equilibrati fa sì di assicurare che quelle relazioni siano consistenti e forti. Un piccolo gruppo cominciò a diventare piuttosto grande. Quando il gruppo raggiunse 18 o 20 persone, decise di moltiplicarsi per mantenere l'atmosfera di intimità e responsabilità che aveva reso il gruppo attraente in primo luogo. Una coppia che era stata al centro del gruppo originale cominciò a coordinare uno dei nuovi gruppi. Periodicamente i due gruppi si riuniscono per una festa allo scopo di riconnettere e mantenersi vicini.

Evangelizzazione orientata ai bisogni

Definizione: Una evangelizzazione rivolta ai bisogni coltiva intenzionalmente le relazioni con persone pre-Cristiane in modo tale che possano divenire seguaci di Gesù Cristo totalmente devote per partecipare attivamente alla vita della chiesa e della comunità. Usando ministeri appropriati e relazioni autentiche, i credenti possono guidare gli altri nella famiglia di Dio.

Esempio: Una chiesa in una zona rurale condusse un sondaggio per scoprire le esigenze della comunità. Un tema comune che emerse fu il senso di isolamento tra le madri che stavano a casa. Il comitato evangelistico della chiesa, composto da tre membri, decise di creare un programma per indirizzare quell'esigenza. Organizzarono un evento settimanale dove le madri potevano riunirsi e socializzare tra loro e con le madri dalla chiesa. Volontari della chiesa pensavano a guardare i bambini. Il programma divenne rapidamente popolare e le relazioni che si stabilirono provvidero modi per condividere il Vangelo. Valutare, e ancor più, capire l'esigenza del gruppo in questione fu cruciale per questa chiesa nel prendere decisioni strategiche.

Relazioni amorevoli

Definizione: Relazioni fondate sull'amore sono alla base di una chiesa in salute che cresca. Gesù disse che la gente saprà che siamo suoi discepoli sulla base del nostro amore. Dimostrazioni pratiche di amore costruiscono la comunità cristiana e attraggono altri verso il Regno di Dio.

Esempio: Uno dei modi in cui una chiesa esprime l'amore è all'interno dei piccoli gruppi. I gruppi sono il luogo dove la gente sviluppa autentiche comunità, si occupa e supporta l'un l'altro, stimola ognuno a crescere e a diventare discepoli migliori. Una madre singola in uno dei piccoli gruppi aveva problemi a trovare un lavoro stabile, un posto per vivere e occuparsi dei suoi tre figli. Alcuni membri della chiesa furono pronti a rispondere quando sentirono la sua storia.

Offerte di lavoro, una sistemazione temporanea e cura dei figli furono trovati rapidamente. Dimostrazioni concrete di amore non lasciano dubbi sulla dedizione della chiesa alle relazioni fondate sull'amore.

Robert E. Logan è direttore esecutivo di CoachNet, Inc. Gary Reinecke è formatore e consulente con Strategic Ministries, Inc.



Articoli di Robert Logan su "Trasformare la chiesa più piccola":

Altri articoli di Robert Logan:


1. Christian A. Schwarz, Natural Church Development (Carol Stream: ChurchSmart Resources), 46–48 [Clicca qui per saperne di più.]

2. Le otto caratteristiche di qualità sono prese da Natural Church Development. Le definizioni vengono da Releasing Your Church's Potential (Carol Stream: ChurchSmart Resources).

Iscrizione alla mailing list     Manda un link ad un amico     Stampa l'articolo     Email a MissionePerTe     Torna su

Pagine viste: