MPT suggerisce Il Corso Omega! Non perderlo.

La comprensione può essere più incoraggiante del consiglio

Quest'articolo è tratto dal libro L'Incoraggiamento (nuovissima edizione, completamente revisionata) di Larry Crabb e Dan Allender. Appare qui per gentile concessione di Edizioni Patmos.

Quando le persone ci espongono una loro preoccupazione, molti di noi si sentono subito sotto pressione. "Ora cosa devo dire? In che modo posso aiutare? Non so cosa consigliargli di fare". La pressione e auto-imposta. Ci assumiamo la responsabilità di risolvere i problemi dell'altro e poi ci sentiamo sotto pressione nel trovare una soluzione.

Il nostro errore è ritenere che la persona che condivide un problema ce ne sta realmente chiedendo anche la soluzione. Un marito che si lamenta con la moglie delle tensioni sul lavoro, difficilmente le sta chiedendo un suggerimento alla possibilità di un lavoro alternativo o una migliore strategia per far fronte alle difficoltà. Egli sta chiedendo piuttosto semplicemente di essere compreso e accettato. "Sono ferito. Te ne importa?".

Eppure le mogli (e i mariti, quando la situazione e invertita) inevitabilmente rispondono con: "Forse dovresti lasciare e cercare un lavoro migliore". Allora si sentono perplesse e confuse quando il loro tentativo di aiutare suscita una replica arrabbiata: "Certo, i posti si trovano a centinaia... Come tireremo avanti, se lascio?".

Le persone smarrite hanno bisogno di direttive, i ciechi di essere illuminati, gli ostinati di stimoli; e ovviamente necessario avere delle direttive chiare su come affrontare i problemi della vita. Le persone però non sono solo smarrite, cieche o ostinate, sono anche impaurite. E quelli che hanno paura hanno bisogno di una comprensione paziente e tollerante. I credenti devono afferrare la verità - evidentemente sfuggente per tanti - che il consiglio senza comprensione non è di aiuto. In effetti è una forma di rigetto.

Amiche

Un consiglio affrettato comporta una mancanza di rispetto e d'interesse. Ad esempio, la frase: "Penso che dovresti..." potrebbe essere avvertita come: "Il tuo problema è semplice però tu sei troppo stupido per trovare una soluzione, perciò ti dirò cosa fare".

Il compito dell'incoraggiatore è quello di offrire comprensione ed accettazione. Un consiglio diretto basato sull'insegnamento biblico è una componente essenziale per aiutare chi non sa cosa fare. Tuttavia la funzione indispensabile dell'incoraggiamento è quella di preparare le persone ad accettare volentieri i buoni consigli, aprendosi attraverso l'accettazione.

Gli incoraggiatori non hanno bisogno di sentire la pressione di trovare rimedi specifici ad ogni problema. Forse un altro fratello o sorella in Cristo, con più esperienza e conoscenza delle Scritture, dovrebbe essere invitato a provvedere direttive più chiare. L'incoraggiatore deve rendersi conto dell'alto valore derivante dal mostrare comprensione.

L'ascolto attento, l'indagine sensibile, l'interrogatorio chiarificatore, il rispecchiamento (ovvero la conferma di quanta detto) con discernimento costituiscono alcuni modi per promuovere e trasmettere comprensione. Queste strategie verbali saranno trattate nell'articolo "Quattro abilità verbali dell'incoraggiatore". In tutte queste strategie, il messaggio dell'incoraggiatore è: "Ti ascolto, voglio sapere più cose di te perché ti considero una persona preziosa".

Iscrizione alla mailing list     Manda un link ad un amico     Stampa l'articolo     Email a MissionePerTe     Torna su

Pagine viste: