MPT suggerisce Il Corso Omega! Non perderlo.

12 modi pratici per far crescere la chiesa locale

Questa pagina rappresenta un capitolo dal manuale su "La Chiesa" del "Corso Omega", una serie di manuali gratuiti per fondatori di chiese a cura di Michele Carlson. Scrivi a Michele per saperne di più.

Una chiesa può crescere in diversi modi:

  • Numericamente: Più credenti o più chiese
  • Spiritualmente: Una maggiore conoscenza della Bibbia e un più profondo cammino spirituale
  • Socialmente: Una maggiore efficienza come "sale" nel mondo

Una chiesa locale dovrebbe crescere in ciascuno dei modi sopra elencati. Tuttavia, una chiesa locale che cresce ma non si riproduce non è accettabile per il Signore.

Seguono 12 modi pratici in cui la chiesa locale può [crescere].... Una buona chiesa dovrebbe essere impegnata in ciascun'area.

1. Andare incontro alle anime perdute

Alcune chiese credono che sia responsabilità dei non credenti venire alla chiesa. Questo è diametralmente opposto al Grande Mandato, che ordina alla chiesa di andare (Matteo 28:18-20). Dobbiamo lasciare le 99 pecore nell'ovile per cercare quella che si è perduta (Luca 15).

Qualunque pescatore sa quanto sarebbe ridicolo aspettarsi che i pesci venissero da sé.
Pescatore
Sfruttano tutta la propria capacità e conoscenza per determinare dove si trovino i pesci!

Qualunque pescatore sa quanto sarebbe ridicolo aspettarsi che i pesci venissero da sé. Sfruttano tutta la propria capacità e conoscenza per determinare dove si trovino i pesci e per andare a prenderli. I "pescatori di uomini" devono fare lo stesso.

La chiesa primitiva cercava le anime perdute nel tempio, nella sinagoga, nel mercato, e di casa in casa. Gesù partecipava a banchetti e feste in cui c'erano pubblicani, prostitute e altri dal chiaro carattere peccaminoso.

2. Utilizzare le cellule

Numerosi non credenti si rifiuteranno di frequentare una chiesa, ma saranno pronti ad andare a casa di un amico, dove è loro possibile porre domande sul cristianesimo in un'atmosfera meno minaccioso. Queste cellule non dovrebbero mai seguire lo stesso schema della chiesa. Dovrebbero avere un'atmosfera informale, non minacciosa, amichevole. Il fine del gruppo dovrebbe essere la discussione sulla verità della Parola di Dio piuttosto che la predicazione ai non credenti.

3. Partecipare ad attività socialmente utili assieme ai non credenti

Una chiesa che desidera crescere incoraggerà i propri membri a partecipare agli eventi sportivi, a club di scacchi, a feste di compleanno, a matrimoni, a funerali, a picnic, a riunioni pubbliche, ecc. Ogni attività può essere un'occasione per incontrarsi e per sviluppare nuovi rapporti con i non credenti. I credenti devono essere separati dal peccato del mondo, ma non dal mondo. Piuttosto, dobbiamo essere per il mondo sale e luce.

4. Mantenere normali rapporti interpersonali

La maggior parte della gente viene a Cristo per influenza di qualcuno di loro conoscenza. Ciascun credente dovrebbe continuamente sviluppare rapporti con non credenti così di avere prima o poi la possibilità di trattare il Vangelo. Se ciascun membro di una chiesa riuscisse a sviluppare uno solo di questi rapporti ogni anno, e portasse a Cristo questa persona, la chiesa raddoppierebbe di numero ogni anno. Molti credenti hanno pochi rapporti con i non credenti. La migliore sorgente di contatti con i non credenti è attraverso il nuovo credente. Purtroppo, i nuovi credenti sono spesso incoraggiati a separarsi dai propri amici non credenti e a spendere tutto il proprio tempo con i credenti.

5. Cambiare in modo da poter conquistare le anime perdute

Il principio biblico è chiaro: il credente deve cedere i propri diritti e le proprie preferenze in virtù della salvezza dei perduti. L'apostolo Paolo tentò di diventare ogni cosa in modo da vincere a Cristo ogni uomo (1 Corinzi 9:19-23). Questo significa che il credente deve cercare di fare tutto ciò che è permesso per raggiungere i non credenti in un modo a loro adatto. Il carattere del credente attira il non credente a Cristo. Un vero credente dovrebbe trasudare serenità nonostante i propri problemi, mostrare amore per Dio e per gli altri, pace e sicurezza riguardo all'amore di Dio per lui. Queste caratteristiche devono essere genuine. Il credente che finga di amare un conoscente non credente soltanto per portarlo alla fede verrà facilmente smascherato. Le caratteristiche della personalità sono particolarmente attraenti nel mezzo della crisi. Quando abbiamo problemi, il non credente può osservare come dipendiamo da Dio. Quando il non credente è in mezzo alla crisi, può sperimentare il nostro amore e il nostro aiuto. Entrambe queste situazioni lo portano al Vangelo.

6. Occuparsi dei bisognosi

Molti vengono a Cristo quando si trovano in una crisi. I non credenti spesso non danno molta attenzione a Dio quando tutto va bene. Il Signore utilizza spesso la crisi per costringerli a comprendere la propria necessità. Le chiese in crescita sanno che le persone sono più aperte in quei momenti, e cercano il modo di aiutare nelle situazioni difficili. Talvolta l'aiuto materiale è necessario. In caso di malattia o morte, essere pronti ad ascoltare è il modo migliore di mostrare la compassione. La chiave è di tenere gli occhi aperti per vedere quei problemi in cui possiamo essere d'aiuto, come fece il buon Samaritano.

7. Accogliere bene le nuove persone

Il modo in cui i membri si comportano verso una persona alla sua prima visita determinerà probabilmente se questa verrà di nuovo o meno. Un visitatore non credente in genere visita una chiesa perché è aperto al Vangelo. È importante cogliere quell'occasione per farlo sentire il benvenuto e per cercare di rispondere alle sue domande. Questo vale anche per i nuovi credenti, che nella Bibbia sono assomigliati ai neonati (1 Pietro 2:2). Anche loro hanno bisogno d'amore, di essere accettati affinché comprendano di aver bisogno di un rapporto stretto con la chiesa.

Famiglia spirituale
Quando i credenti si occupano l'uno dell'altro come fratelli e sorelle in Cristo, allora le persone rimangono.

8. Avere una vita comunitaria vibrante

La prima chiesa di Gerusalemme è un ottimo modello di un corpo di chiesa locale vivo e soddisfacente per i bisogni dei propri membri. In Atti 2:42-47 vediamo mostrate le principali caratteristiche della chiesa:

  • Un insegnamento biblico e una predicazione potenti e chiari
  • Una comunione amorevole e accogliente
  • Una devozione sincera alla tavola del Signore
  • Una preghiera che cambia le vite
  • Un aiuto ai fratelli e alle sorelle che sono nel bisogno

Tutti amano stare in un gruppo che li ama e che si occupa di loro. Questo è il più grande beneficio di una famiglia, e la chiesa deve essere una famiglia. Quando i credenti si occupano l'uno dell'altro come fratelli e sorelle in Cristo, allora le persone rimangono in quel gruppo.

9. Preparare i propri membri alla vita

Ciascun membro deve maturare. Perché questo accada, i leader devono essere per loro un modello di vita cristiana. Il vero discepolato si attua quando i credenti che hanno più esperienza passano tempo con i credenti più giovani e mostrano loro come crescere e servire il Signore.

10. Preparare i propri membri al ministero all'interno della chiesa stessa

Del ministero della chiesa devono occuparsi i membri della chiesa - non i leader. Dio ha dato a tutti i credenti dei doni spirituali da spendere nel ministero. Il compito dei leader, quindi, è di preparare i membri della chiesa ad usare i loro doni in un modo efficace ai fini del ministero. Quando si segue questo principio e tutti i membri sono attivi nel servizio gli uni degli altri e nel raggiungimento delle anime perdute, allora la chiesa crescerà. L'intero corpo della chiesa può realizzare molto più di quanto non possano fare i soli leader.

11. Preparare i propri membri al ministero di raggiungimento dei non credenti

I credenti devono aiutare la chiesa a crescere. In Giovanni 15, Gesù disse che il credente dovrebbe portare frutti e che Egli avrebbe potato i rami perché questi fossero ancora più fruttiferi. Il volere del Padre è che noi portiamo molto frutto. Questo vale per tutti i credenti - non soltanto per i leader. Gesù non descrisse quale fosse il frutto in questione in Giovanni 15, ma ci ordinò di andare a fare discepoli. Certamente il frutto include anche il raggiungimento dei non credenti. Pochi credenti portano un'altra persona a Cristo nel corso della propria vita. Sono numerose le cause di questo fenomeno. Le più comuni sono date dal fatto che:

  • Non viene insegnato ai credenti di evangelizzare fino a quando sono stati credenti da tanto tempo che hanno perso tutti i propri contatti con non credenti.
  • Viene loro insegnato così poco riguardo alla vita cristiana da renderli timorosi di cercare di spiegarla ad un non credente.
  • Non viene mai insegnato loro un metodo efficace per presentare il Vangelo.
  • Credono che l'evangelizzazione spetti ai leader.
  • Alcuni credenti non riescono ad evangelizzare a causa di un qualche peccato inconfessato che pesa sulla loro vita spirituale.

Tutte queste ragioni nascono da una mancata o incompleta preparazione da parte della chiesa. Un buon fondatore di chiese sarà attento alla preparazione al ministero dei membri della propria chiesa, li motiverà, farà da modello come animo finalizzato alla conquista dei cuori per Cristo è incoraggerà coloro che si impegnano nel ministero. In questo modo, moltiplicherà il suo ministero.

12. Preparare i propri membri al ministero in altre congregazioni

Il nuovo credente dovrebbe essere incoraggiato a raggiungere i propri amici e conoscenti mentre ha ancora un rapporto con loro. Seppure la crescita di una chiesa locale è una cosa buona, la moltiplicazione delle chiese è una cosa ancora migliore. Una chiesa sana non dovrebbe soltanto crescere in numero ma anche riprodursi molte volte. Esistono numerose ragioni per cui la creazione di nuove chiese è preferibile alla semplice crescita della chiesa madre.

Iscrizione alla mailing list     Manda un link ad un amico     Stampa l'articolo     Email a MissionePerTe     Torna su

Pagine viste: